Sposarsi in Puglia: dal 15 giugno è Sì!

Abbiamo atteso a lungo, abbiamo vissuto sentimenti contrastanti e nel frattempo abbiamo visto tanti sogni infrangersi.

Conosciamo il timore di non saper come e quando ripartire, conosciamo bene le sensazioni di incredulità e smarrimento che pervadono quando la realizzazione di un progetto di vita insieme sembra allontanarsi ogni giorno di più.

Li conosciamo perché tante sono state le coppie di futuri sposi, costrette a posticipare o spostare al 2021 il proprio matrimonio, che abbiamo rassicurato e confortato in questo lungo periodo.

Eppure, nonostante tutto, quel barlume di speranza,legato a un imminente ripristino della “normalità”, dentro di noiè rimasto sempre acceso.

Così, oltre due mesi dopo l’inizio del lockdown causa pandemia da Coronavirus, ecco arrivato lunedì 15 Giugno anche il via libera al “Sì, lo voglio”.

Nel documento relativo alle nuove direttive emanate per la regione Puglia dal Presidente Michele Emiliano trova spazio un paragrafo dedicato interamente al settore wedding.

Come celebrare il matrimonio nella Fase 3?

Vediamo nello specifico le regole da attuare per realizzare unacerimonia nuziale all’altezza delle proprie aspettative, senza rinunciare alla sicurezza e alla serenità dei propri ospiti.

Ricevimento

Prediligere lo spazio all’aperto, quindi alle outdoor weddingceremony.

In tal senso, bene si presta la nostra Pineta dell’Amore, location immersa nel verde pensata proprio per celebrare il rito civile all’aperto.

Banchetto

La disposizione dei tavolideve assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di distanza tra gli ospiti, tranne per i conviventi. E anche su questo punto, Villa dei Fiori e i suoi ampi spazi sono una scelta vincente per lo svolgimento in totale sicurezza dei diversi momenti della cerimonia.

Buffet in modalità show cooking

È possibile organizzarlo, a patto che sia servito dal personale.

Per il self service, invece, è necessario realizzare confezioni di cibo monodose.

Vige sempre la regola del metro di distanza anche durante la fila per l’accesso al buffet.

La cucina di Villa dei Fiori, in sintonia con tutto il personale, garantisce la perfetta gestione dei tempi di servizio e assicura agli sposi un menu ad hoc, all’altezza di un evento indimenticabile.

Intrattenimento – Musica, balli, spettacoli ed esibizioni artistiche

Sì alla musica, è consentito ingaggiare la propria band del cuore purché sia distante dal pubblico almeno 3 metri e mantenga il distanziamento anche tra i vari componenti.

Dato il divieto di assembramento, muoversi in pista da ballosarà possibile se rispettato l’indice di affollamento di 2 metri quadri per persona.

In aree esterne, invece, dovrà essere seguita la regola prevista per le attività di ballo in aree esterne.

Via libera anche agli spettacoli e/o esibizioni artistiche, con il rispetto della distanza interpersonale di almeno 1 metro.

Uso di mascherine e guanti

Gli invitati e, ovviamente, gli stessi sposi non avranno l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica nei casi di allontanamento dal proprio tavolo, a condizione di rispettare il distanziamento interpersonale di 1 metro se soggetti non conviventi.

Il personale di servizio, invece, deve utilizzare la mascherina per tutto il banchetto. 

No all’utilizzo di guanti con l’obbligo di lavare spesso le mani con acqua e sapone, soluzione idro-alcolica o altri prodotti igienizzanti.

La nostra macchina organizzativa sarà tecnica, precisa e attenta più del solito. Concentrerà tutte le sue energie in preparativi e regole da rispettare per regalarvi il matrimonio che avete sempre sognato.

Mi sposo nel 2020: sì o no?

Un dubbio amletico che ci portiamo avanti da oltre un mese: rinunciare o meno al “proprio anno“, rimodulando la data delle nozze o essere ottimisti ed effettuare solo uno slittamento, ma sempre e comunque nel 2020?

Le chat, le telefonate, le videochiamate sono i fili che tengono in piedi le conversazioni con i nostri futuri sposi. Ai quali vorremmo, con tutto il cuore, dare la risposta che aspettano, o offrire la decisione che, in autonomia, è sempre più difficile da prendere.

E, da fornitori, ci ritroviamo ad essere confidenti e amici, a prendere tra le mani il sogno e mantenerlo vivo.

Ma, come fare? Certamente non abbandonandosi allo sconforto, ma cercando di prendere, da questo momento storico, il meglio… anche in preparazione delle proprie nozze. Quindi, via libera alla cura dei dettagli, quella vera, alla quale mai avremmo potuto dedicare il giusto tempo per via dei mille impegni quotidiani. Oppure via alla cura di sé, non solo dal punto di vista fisico, ma anche spirituale, con esercizi di yoga e letture che arricchiscano l’animo.

Noi, per conto nostro, abbiamo deciso di esserci in ogni modo possibile, anche vincendo quella naturale timidezza nel mettersi dinanzi ad uno schermo e andare in diretta sui social network. Lo abbiamo fatto per i nostri sposi, per le loro famiglie: lo abbiamo fatto per tenere vivo quel rapporto di affezione che caratterizza ogni nostro evento e i relativi protagonisti.

Continueremo a farlo e lo faremo con sempre più entusiasmo perché, ne siamo certi: festeggeremo, non troppo tardi e sarà ancora più intenso.